webleads-tracker

Novastock.it > Informazioni e Regolamenti > Inventario e perdita sconosciuta > Inventario : Come calcolare la sua differenza?

Come calcolare la differenza inventariale

La valorizzazione di uno stock:

Il valore di uno stock si determina tramite un inventario permanente che segua l’evoluzione delle rimanenze e dei movimenti (flussi reali di entrata e uscita dei prodotti in magazzino). Il controllo si esegue per quantità e valore dei beni.

1. La valorizzazione delle entrate

Per quanto riguarda i prodotti acquistati, il valore si determina tenendo conto del costo di acquisto e di ricezione della merce:

L’importo figurante sulla fattura di acquisto (Iva esclusa).
+ Spese esterne: Porto, assicurazione, dogana
+ Spese interne: Spese di ricezione, spese di magazzino.

Per elementi, componenti e beni prodotti, la valutazione prende in considerazione il costo di produzione.I costi di detenzione (finanziari) e di permanenza in riserva (magazzino, accantonamenti merce) non sono presi in considerazione.

Lo stock iniziale in quantità e valore corrisponde allo stock finale del periodo precedente.

2. La valorizzazione delle uscite

Gli elementi immagazzinati escono dal deposito allo stesso costo al quale sono entrati. Questo non costituisce alcun problema per i beni totalmente individualizzati (pezzo unico) o individualizzabili (pezzi identici, isolabili). Tuttavia, questa tecnica è più difficile da realizzare per i beni di consumo (grano, vino, aceto) che sono una parte importante dell’industria.

3.Calcolare il tasso di differenza:

Calcolo dello stock teorico: = Stock iniziale – Prodotti in uscita (vendite, reso al fornitore, prodotti difettosi o danneggiati ecc...) + Prodotti in entrata (acquisti, resi da parte del cliente).
Calcolo delle esistenze fisiche: Stock reale al momento dell’inventario


Differenza inventariale = Stock Teorico – Stock Reale.
Tasso di differenza:             differenza *100         /                vendite

Il risultato ottenuto è una percentuale: più alta è la cifra, più l’ammanco è importante.Per contabilizzare il vostro stock reale in maniera obiettiva e trasparente è necessario realizzare un inventario fisico di qualità.

4. I metodi di calcolo del valore di stock:

Metodo del costo unitario medio ponderato (CUMP).

 
CUMP: esistenze non transitorie (beni che rimangono in magazzino per un lungo periodo), il metodo CUMP si presenta con due varianti:

  • Metodo CUMP periodico: Il valore della merce in uscita è calcolato su un costo unitario medio ponderato dei prodotti in entrata + deposito iniziale, calcolato a livello mensile, trimestrale o annuale, secondo la scelta dell’azienda.
  • Metodo CUMP in relazione ai prodotti in entrata: Il valore della merce in uscita è calcolato in base all’ultimo costo unitario medio ponderato relativo alla merce in entrata.
  • CUMP = Totale quantità  / Valore totale (dopo ogni entrata).

Metodo FIFO, First in, First Out  (primo ad entrare, primo ad uscire).

 
Il metodo FIFO si basa su un consumo sequenziale e cronologico della merce introdotta in magazzino. Il prodotto introdotto per primo sarà il primo a uscire.
 
Il metodo FIFO è il più utilizzato per quanto riguarda i prodotti di consumo la cui conservazione a lungo termine è sconsigliata a causa di una perdita di valore o qualità (latticini, prodotti agroalimentari...). Tuttavia, con questo metodo, le eventuali variazioni di prezzo reale dal momento di acquisto della merce possono costituire uno svantaggio.

Metodo Last In, First Out (ultimo ad entrare, primo ad uscire) 

Contrariamente al FIFO, il metodo LIFO consiste nel calcolare il valore dei consumi supponendo che la merce entrata per ultima sarà la prima ad uscire. Con riferimento particolare alla funzione tecnica delle esistenze, è evidente che l’utilizzo di questo metodo di calcolo del valore non consiste semplicemente nell’alternare le scritture contabili al fine di proteggersi dalle variazioni dei prezzi.

Esistono alcuni prodotti per i quali si adotta esclusivamente questo metodo. Si tratta di quei prodotti che acquistano qualità e valore con il passare del tempo. Il vantaggio del metodo LIFO sta nel sostenere la variazione dei prezzi. In un periodo d'inflazione permette di alleggerire le perdite applicando il prezzo attuale del mercato.

Metodo del valore di sostituzione Next In, First Out

Si basa sull’ipotesi che la valorizzazione dei consumi avvenga sulla base del prezzo di sostituzione (prezzo al quale si prevede di poter riacquistare le materie).
Permette di contrapporre ai ricavi di vendita il costo delle materie di prossima acquisizione, prevenendo l’effetto distorsivo delle variazioni dei prezzi e consentendo la reintegrazione delle risorse impiegate.

               
 fonte: www.logistiqueconseil.org
contact content

L'inventario in collaborazione, cos'è ?

Gli inventari realizzati da Novastock in collaborazione con il personale del suo negozio o magazzino.

Saperne di più

Perché noleggiare il suo materiale d'inventario ?

Se vuole realizzare da se i suoi inventari, alleggerire i carichi della sede, completare ed ottimizzare il suo parco di terminali e beneficiare di materiali e software affidabili ed ad alto rendimento.

Saperne di più